settimana090712-Nuovo Dialogo

9 luglio 2012

POLITICA



Salvo imprevisti, il 12 luglio sarà il giorno della verità. Nel primo consiglio comunale del nuovo corso amministrativo del sindaco Ippazio Stefàno, verranno svelati i nomi dei 9 assessori comunali che andranno a comporre la giunta.  La presentazione ufficiale, inserita nell’ordine del giorno, dovrebbe avvenire dopo il giuramento del primo cittadino.  Per il pediatra tarantino un compito non facile poiché, rispetto al passato, le poltrone sono passate da 14 a 9 con  vari accorpamenti di deleghe.  Intanto il pediatra tarantino sta procedendo alle consultazioni di rito e dopo Pd, Sds e Sel, questa mattina toccherà a “La Puglia per Vendola”. Voci di corridoio danno Annarita Lemma come possibile nuovo vice sindaco e Piero Bitetti nel ruolo di presidente del consiglio comunale. Un consiglio  che sarà più giovane anagraficamente, con diversi volti sconosciuti, e composto da un’ampia maggioranza (21 membri) e da una minoranza frastagliata (11 membri, tra cui Cito, Capriulo, Condemi, Bonelli)..                                                                           


AMBIENTE

Mancata pulizia al centro ittico galleggiante: la denuncia di Legambiente

Al quartiere Tamburi il pesce in putrefazione si aggiunge ai “soliti” cattivi odori


Un altro disagio per gli abitanti del quartiere Tamburi. Non bastavano i cattivi odori provenienti dalla raffineria, adesso sono costretti a vivere anche con la puzza del pesce marcio. A segnarlo è Legambiente. Il presidente del circolo tarantino, Lunetta Franco, in una nota, scrive: “L’insopportabile puzza ammorba via Galeso, via Orsini e le vie adiacenti ed è dovuta alle presenza di pesce in stato di decomposizione nei cassonetti o nei pressi degli stessi nella zona del mercato ittico galleggiante, che durante la notte non vengono puliti. Una situazione intollerabile e pericolosa dal punto di vista igienico-sanitario. Chiediamo al Comune che garantisca pulizia e disinfestazione dell’area con frequenza e ad orari adeguati alle necessità dell’area mercatale”. 


Rubati 5 cigni in villa Peripato. 

Finiranno al mercato nero 


Anche le uova sottratte illegalmente

Un gesto che fa male ad un’ intera comunità. Ignoti, nel weekend appena trascorso, hanno  rubato 5 cigni e le loro uova dal laghetto della villa Peripato. In passato questi splendidi animali erano stati nuovamente vittime del furore di qualche testa vuota che ne impiccò diversi. Stavolta, nonostante i controlli, è stata rotta la rete di protezione e sono stati prelevati i cigni ed i loro piccoli, probabilmente per essere venduti al mercato nero. Un atto di sciacallaggio che non è rimasto inosservato. Il primo cittadino ha  espresso turbamento ed indignazione per un atto riconducibile a pochi ma che offende tutta la città.  


COLPO D'OCCHIO

Dal taglio al cucito

Corsi e scuole da rilanciare anche per la politica e l’economica  

C’erano una volta i corsi 
e le scuole di taglio.  Al quale spesso si aggiungeva, come materia complementare, il cucito.  Corsi e scuole frequentate soprattutto, se non esclusivamente, dalle donne, le brave mamme di una volta, che dopo aver seguito con profitto le lezioni erano in grado di confezionare vestiti per tutti i componenti della famiglia. Ma oggi che vuoi tagliare e cucire, se con pochi euro i vestiti ce li compri già bell’e confezionati?  Né sappiamo se ancora funzionano le scuole di taglio professionali, per sarti e sarte, visto che questo mestiere non sembra rientrare tra le massime aspirazioni dei giovani.

SOCIETA'

La provincia di Taranto incontra Principi attivi

Lo staff di Bollenti spiriti fa tappa a Taranto per illustrare il bando regionale2012

Per i giovani tarantini è di nuovo tempo di proporre idee, suggestioni, proposte innovative che possano trasformarsi in attività imprenditoriali. L’occasione è offerta dal nuovo bando di “Principi Attivi- Giovani Idee per una Puglia migliore”, indetto dalla Regione Puglia nell’ambito del programma di Bollenti Spiriti. Questo pomeriggio alle 16.00, nella sala riunioni della Provincia (in via Anfiteatro 4) si terrà un incontro aperto a tutti coloro che volessero maggiori informazioni, tenuto dal rappresentante dello staff di Bollenti Spiriti, Marco Costantino, e dall’assessore provinciale Marta Teresita Galeota. Il bando prevede contributi a fondo perduto fino ad un massimo di 25mila euro, che andranno a finanziare un anno di progetto. Posso parteciparvi giovani dai 18 ai 33 anni, organizzati in gruppi informali composti da almeno due persone. Tre gli ambiti in cui devono rientrare i progetti: tutela e valorizzazione del territorio, sviluppo dell’economia e della conoscenza dell’innovazione ed inclusione sociale e cittadinanza attiva. Per presentare il proprio progetto c’è tempo fino al 19 ottobre.