Drammi umanitari

Migranti: in Tunisia gli africani sub-sahariani hanno paura ad uscire di casa per il clima di ostilità

Per questa ragione, in tanti sono pronti a tentare la traversata

foto Ansa/Sir
17 Mar 2023

di Patrizia Caiffa

Tra gli africani sub-sahariani che frequentano la piccola comunità cattolica nella cattedrale di Tunisi, ossia la maggioranza dei fedeli, “c’è tanta paura e dolore” per il clima di ostilità che si è creato nei loro confronti: “Ma c’è una legge dello Stato e siamo obbligati a rispettarla”. A parlare è padre Léonce Zinzéré, vicario generale dell’arcidiocesi di Tunisi. Padre Zinzéré, che appartiene alla Congregazione dei Missionari d’Africa (Padri Bianchi) è originario del Burkina Faso e vive in Tunisia dal 2004. Negli anni ha visto la situazione peggiorare, soprattutto dopo la primavera araba del 2011. Nelle ultime settimane, a causa di una grave crisi economica (l’inflazione è sopra il 10%, con disoccupazione giovanile altissima) e di alcune dichiarazioni del presidente Kaïs Saïed che ha indicato i migranti sub-sahariani come responsabili del piano di “grande sostituzione” delle popolazioni arabo-musulmane e lanciato una caccia agli illegali, sono aumentati gli episodi violenti. Molti sono stati cacciati dalle case in affitto o dai posti di lavoro.

Padre Léonce Zinzéré – foto: Missionari d’Africa

“Alcune persone che conosco, uomini e donne, hanno subìto aggressioni fisiche e verbali”, racconta il sacerdote. Nei giorni scorsi l’Associazione degli studenti e tirocinanti africani in Tunisia ha invitato i sub-sahariani a restare in casa.

“Domenica scorsa la chiesa era vuota. I neri hanno paura di uscire, anche chi ha i documenti in regola.

Perfino gli studenti hanno timore di essere aggrediti. Ora sembra che la situazione stia un po’ migliorando e qualcuno ricomincia a vedersi per strada”. L’Istituto nazionale di statistica tunisino indica la presenza di 21.000 immigrati sub-sahariani. “Noi non sappiamo le cifre esatte perché il numero di fedeli cambia in continuazione – precisa padre Zinzéré -. Alcuni frequentano per un periodo e poi non li vediamo più”.

La lettera dell’arcivescovo. L’arcivescovo di Tunisi, monsignor Ilario Antoniazzi, che guida questa piccola Chiesa dal 2013, ha dovuto scrivere due settimane fa una lettera dai toni accorati, citando la frase di Gesù: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. “Umanamente parlando non ho una risposta precisa alle vostre numerose grida di dolore”, scrive monsignor Antoniazzi, se non di “abbandonarmi alla volontà di Dio”. “Da una parte non posso restare indifferente”, dice, “ma dall’altra la Chiesa ha poco margine d’azione di fronte al periodo di dolore che stiamo vivendo”. L’arcivescovo lancia un appello a fare “doni in natura o in contanti” per le loro necessità materiali. Molti sono universitari, altri lavorano nel settore alberghiero o domestico nelle case, oppure nella raccolta delle olive nel Sud del Paese. “Arrivano qui con un visto per turismo ma dopo tre mesi di soggiorno diventano illegali. Purtroppo, dovendo sopravvivere, sono costretti ad accettare paghe molto basse. Perciò i tunisini pensano che rubino loro il lavoro”, spiega padre Zinzéré. “Noi abbiamo incoraggiato i nostri fedeli a mettersi in regola con le leggi – dice – ma è molto complicato ottenere un permesso di lavoro. Perciò tanti vogliono partire verso l’Europa”.

900.000 migranti verso l’Italia? L’intelligence ha informato infatti il governo italiano sul rischio, nei prossimi mesi, di un’ondata di 900 mila migranti dalla Tunisia verso Lampedusa, con un picco ad agosto. L’arcidiocesi di Tunisi da sempre mette in guardia contro i pericoli dei viaggi in mare e invita molti a tornare nei propri Paesi di origine, collaborando con l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) e le ambasciate nei rimpatri volontari. Oltre 1.700 ivoriani su 7.000 in Tunisia hanno già chiesto di poter tornare in Costa d’Avorio, come pure centinaia di maliani e guineani. “Sanno bene che rischiano di morire in mare ma è difficile convincere qualcuno a non partire”, sottolinea il sacerdote. “Molti sicuramente cercheranno di fare la traversata, anche se ci sono i controlli della guardia nazionale tunisina”. In una sola notte la Guardia costiera di Tunisi ha sventato 25 operazioni di migrazione illegale, con 1.008 persone soccorse in mare, di cui ben 954 di vari Paesi dell’Africa sub-sahariana. “Ma i passeurs guadagnano molto bene e spesso riescono ad aggirare i controlli – prosegue padre Zinzéré -. Tante persone che conosciamo sono morte in mare oppure non ne sappiamo più nulla. Fanno salire 50 persone su barche che ne possono ospitare 20. Molti tentano la traversata più volte”. Quelli che riescono ad arrivare in Italia – “e questo è un grande problema”, puntualizza padre Léonce – “mandano messaggi e video che incoraggiano le persone a partire”.

“La migrazione irregolare è una questione molto complessa”, osserva. “Va bene fare la guerra ai trafficanti ma non è sufficiente. Bisogna attaccare il male alla radice. Dal punto di vista economico i Paesi di origine sono parte del problema. Le persone devono avere il diritto di restare a casa e fare una vita dignitosa. Serve un grande lavoro nei Paesi di origine. Alla Chiesa spetta il compito di sensibilizzazione”.

Intanto il 13 marzo il Parlamento tunisino ha riaperto dopo due anni di chiusura. Era stato anche sciolto dal presidente Saïed, al governo dal 25 luglio 2021, nel marzo del 2022. Ai media non pubblici e stranieri è stato vietato l’accesso ai lavori. Saïed ha accentrato su di sé molti poteri ma respinge ogni “ingerenza politica esterna” e le accuse di razzismo nei confronti della Tunisia. Continuando a ribadire che i migranti che entrano illegalmente nel Paese non troveranno soggiorno.

Leggi anche
L'argomento

Leonardo: nessuna chiusura Acciaierie: programmi e bando

Per l’ex Ilva e Leonardo, grandi aziende pubbliche che stanno vivendo momenti di svolta nella loro storia industriale e produttiva, si registrano delle novità. Una vera svolta è quella che sembra profilarsi per l’azienda del settore aeronautico di Grottaglie, mentre per Acciaierie d’Italia si precisano i piani produttivi, nella prospettiva di una futura privatizzazione. In […]

Il presidio a Bari dei lavoratori Hiab la Regione si è impegnata a intervenire

In occasione dell’incontro svoltosi a Bari, su richiesta delle organizzazioni sindacali, relativo alla situazione di stallo che riguarda la Hiab di Statte, si è svolto lo sciopero preannunciato di 8 ore. I lavoratori hanno svolto un presidio nei pressi della Presidenza del Consiglio regionale, su Lungomare Mazario Saoro, mentre le segreterie di Fim Fiom Uilm […]

Premio Mcl Torricella Terra d'amare

Il Circolo Movimento cristiano lavoratori di Torricella annuncia la terza edizione del Premio Mcl Torricella Terra d’amare  che si terrà domenica 28 luglio alle ore 20.30 nella sede della Vinicola Cicella in via Pietro Franzoso. Quest’anno il premio riconoscerà il notevole impegno per la promozione del territorio di sette personalità provenienti dal mondo istituzionale, culturale, […]
Hic et Nunc

Leonardo: nessuna chiusura Acciaierie: programmi e bando

Per l’ex Ilva e Leonardo, grandi aziende pubbliche che stanno vivendo momenti di svolta nella loro storia industriale e produttiva, si registrano delle novità. Una vera svolta è quella che sembra profilarsi per l’azienda del settore aeronautico di Grottaglie, mentre per Acciaierie d’Italia si precisano i piani produttivi, nella prospettiva di una futura privatizzazione. In […]

Il presidio a Bari dei lavoratori Hiab la Regione si è impegnata a intervenire

In occasione dell’incontro svoltosi a Bari, su richiesta delle organizzazioni sindacali, relativo alla situazione di stallo che riguarda la Hiab di Statte, si è svolto lo sciopero preannunciato di 8 ore. I lavoratori hanno svolto un presidio nei pressi della Presidenza del Consiglio regionale, su Lungomare Mazario Saoro, mentre le segreterie di Fim Fiom Uilm […]

Premio Mcl Torricella Terra d'amare

Il Circolo Movimento cristiano lavoratori di Torricella annuncia la terza edizione del Premio Mcl Torricella Terra d’amare  che si terrà domenica 28 luglio alle ore 20.30 nella sede della Vinicola Cicella in via Pietro Franzoso. Quest’anno il premio riconoscerà il notevole impegno per la promozione del territorio di sette personalità provenienti dal mondo istituzionale, culturale, […]
Media
24 Lug 2024
newsletter