Eventi culturali in città

Vecchi e nuovi media: il ruolo del giornale diocesano

26 Feb 2024

di Maria Silvestrini

Un luogo decisamente molto particolare e suggestivo la sala “della Colonna” all’interno della cripta della cattedrale dove mercoledì 21 febbraio l’associazione Mogli dei medici (presidente Mariangela Tarantino), l’Associazione italiana maestri cattolici (presidente Maria Antonietta Spinelli) e il Serra club (presidente Maria Cristina Scapati) si sono riuniti per ascoltare mons. Emanuele Ferro, direttore del settimanale diocesano di Taranto, Nuovo Dialogo, e parroco della cattedrale intitolata a San Cataldo. Tema della conversazione “Vecchi e nuovi media: il ruolo dei giornali diocesani”.

“Niente di ciò che fa parte dell’umano, deve inquietarci perché a seconda dell’orientamento del cuore, ogni cosa nelle mani dell’uomo diventa opportunità o pericolo” è stato l’incipit di don Emanuele che ha voluto iniziare citando il messaggio di papa Francesco nella giornata delle comunicazioni sociali. Un messaggio centrato sull’evoluzione della comunicazione attraverso l’intelligenza artificiale che costituisce un indiscutibile salto qualitativo all’interno delle profonde modificazioni che l’uso delle tecnologie ha prodotto all’interno della comunicazione interpersonale e di gruppo. È ormai un fatto che il nuovo aeropago in cui si trasmettono idee ed emozioni è costituito dalle piattaforme digitali e in esso dobbiamo operare sapendo che la ricchezza del cristianesimo è nel portare all’interno dei mondi nuovi la forza e la vitalità della Buona Novella. In un mondo sempre più ricco di tecnica e povero di umanità dobbiamo ricordare all’uomo che lo smisurato potere delle macchine di memorizzare e valorizzare i dati deve sempre essere soggetto alla critica responsabile e consapevole di ciascuno di noi. Ogni cultura ha bisogno di essere profondamente incisa di una umanità nuova per portare frutti maturi, anche quella dell’intelligenza artificiale. Occorre un sano potere di critica e la capacità di confrontare le notizie per evitare di essere fagocitati dalle fake news che con l’ia sono diventate ancora più difficili da controllare.

In questo scenario si inserisce il ruolo dei media diocesani, ormai ampiamente utilizzati da diocesi e parrocchie. Oggi il giornale diocesano offre una informazione variegata e accende i riflettori sulla comunità locale, sulle piccole realtà ricche di impegno e capacità spesso non valorizzate. In città come Taranto, priva ormai di quasi tutte le testate locali che raccontavano il territorio, la presenza del giornale diocesano è un elemento fondamentale per tener viva nella comunità la coscienza della propria identità e delle sfaccettature che la compongono. A fronte della sensazionalità e drammaticità con cui si diffondono nel web notizie spesso non verificate, il giornale diocesano racconta con pacatezza i fatti e cerca di valorizzare le buone pratiche che ci sono e sono diffuse, ma non giungono in prima pagina perché il bene e il bello sono spesso troppo silenziosi. La nostra informazione non può essere separata dalla relazione esistenziale: implica il corpo, lo stare nella realtà; chiede di mettere in relazione non solo dati, ma esperienze; esige il volto, lo sguardo, la compassione oltre che la condivisione. Non fermiamoci alla cultura dei like quanto mai effimera.  “Il nostro posto è nel divenire – diceva Romano Guardini oltre un secolo fa -. Noi dobbiamo inserirvici, rimanendo tuttavia sensibili, con un cuore incorruttibile, a tutto ciò che di distruttivo e di non umano è in esso”.

Leggi anche
L'argomento

Al via il progetto 'Giardini digitali': acquisire competenze per il reinserimento lavorativo

Acquisire competenze digitali per potersi inserire o reinserire in un mercato in continua trasformazione. Rimettersi in gioco dopo esperienze lavorative di tempo limitato attraverso un’opera di reskilling mirata. Sono gli obiettivi del progetto “Giardini digitali”, un progetto selezionato e sostenuto dal Fondo per la Repubblica digitale – Impresa sociale, che sarà presentato martedì 16 aprile […]

Ex Ilva, ex Tct, Alenia, Isola Verde... tante ombre in tanta indifferenza

Mentre le attenzioni del mondo politico e le diatribe quotidiane si caratterizzano per la litigiosità e scontri ideologici spesso vacui, nel nostro territorio il lavoro diventa sempre più un’emergenza. Nessuno sembra occuparsene seriamente se non le organizzazioni sindacali direttamente coinvolte. Oltre che le centinaia di famiglie che sono alle prese con i disagi economici e […]

Tre bambine annegate nell’isola di Chios, Foskolou (Caritas Grecia): “Tragedie devastanti che accadono troppo spesso”

“Purtroppo queste tragedie succedono troppo spesso da parecchi anni. E non veniamo nemmeno a saperle tutte. Incontriamo tanti genitori che perdono i loro bambini. È una cosa devastante, come è devastante perdere qualsiasi altro familiare”. Lo afferma Stella Foskolou, presidente di Caritas Grecia, a margine del 44° Convegno nazionale delle Caritas diocesane in corso a […]
Hic et Nunc

I vescovi pugliesi impegnati nella Visita ad limina Apostolorum

Da oggi, lunedì 15 aprile, fino a venerdì 19 il nostro arcivescovo mons. Ciro Miniero e tutti gli altri vescovi pugliesi sono a Roma alle prese con la Visita ad limina Apostolorum, che servirà a consolidare il rapporto ecclesiale tra la Chiesa universale e quella particolare, attraverso la venerazione delle tombe degli Apostoli Pietro e […]

Ex Ilva, ex Tct, Alenia, Isola Verde... tante ombre in tanta indifferenza

Mentre le attenzioni del mondo politico e le diatribe quotidiane si caratterizzano per la litigiosità e scontri ideologici spesso vacui, nel nostro territorio il lavoro diventa sempre più un’emergenza. Nessuno sembra occuparsene seriamente se non le organizzazioni sindacali direttamente coinvolte. Oltre che le centinaia di famiglie che sono alle prese con i disagi economici e […]
Media
16 Apr 2024
newsletter