Otium

Davanti al rosone di San Domenico

21 Mar 2022

di Augusto Ressa

Questa mattina il tempo era clemente con un cielo azzurro e una leggerissima brezza, come si conviene al primo giorno di primavera: il tempo ideale per vivere un’esperienza unica che la mia favorevole sorte mi ha riservato. A giorni sarà ultimato il cantiere di restauro della facciata monumentale della chiesa di San Domenico in città vecchia, sulla quale campeggia un magnifico rosone, capolavoro di scultura del ‘300. Per intercessione del mio angelo custode, questa volta nelle sembianze del parroco don Emanuele Ferro, oggi sono salito sui ponteggi ed ho visto da vicino quella meraviglia.  Mentre raggiungevamo i vari livelli, io e il mio mentore eravamo rapiti dalla storia che raccontano le pietre di questa magnifica fabbrica, e insieme dal panorama della città vecchia che si apriva davanti ai nostri occhi, sempre più esteso man mano che ci avvicinavamo alla vetta. Vista dall’alto, l’isola rivela una bellezza insospettata: altane, cupole, terrazze, pinnacoli, tetti coperti da tegole, garitte. E poi il mare che a quell’ora di mattina, per effetto del vento favorevole, spargeva il suo profumo inebriante.

Ma eccoci davanti al rosone, che è immenso. Ci siamo soffermati ad ammirare il tondo centrale con la raffigurazione dell’Agnello, con il vello scolpito a riccioli, suddiviso in ciocche ben pettinate, e con il muso sorridente, così rassicurante di questi tempi. Da lì si dipartono i raggi che si innestano nella ghiera decorata da un tralcio continuo di foglie, finemente scolpito e incredibilmente integro dopo oltre 700 anni. Al centro del fogliame, nascosto fino a ieri da uno spesso strato di calce, sapientemente rimosso da una restauratrice innamorata del suo lavoro, che nel frattempo ci ha raggiunto, eccolo, il volto del diavolo, tinto di un cupo color porpora, con le orecchie asinine e un ghigno beffardo. – “Hai poco da ridere Satana, tu resti fuori da questa chiesa e dalla nostra comunità!” –  avranno pensato gli scalpellini che hanno realizzato questo capolavoro.

E lo hanno messo lì, bloccato fra le fronde, reso impotente di fronte alla bellezza infinita del mare. Siamo saliti su in cima alla cuspide della facciata e siamo rimasti in silenzio ad ammirare il mondo intorno a noi riconoscendoci fortunati di essere lì in quel momento. Quando saranno smontati i ponteggi, e vedremo risvelata la magnifica facciata di San Domenico, e scorgeremo da lontano il bel rosone, saremo presi da un senso di vertigine a pensare che eravamo lassù, ma forse per pochi istanti abbiamo spiccato il volo con la leggerezza di una felicità quasi fanciullesca.

Hic et Nunc

Leonardo: nessuna chiusura Acciaierie: programmi e bando

Per l’ex Ilva e Leonardo, grandi aziende pubbliche che stanno vivendo momenti di svolta nella loro storia industriale e produttiva, si registrano delle novità. Una vera svolta è quella che sembra profilarsi per l’azienda del settore aeronautico di Grottaglie, mentre per Acciaierie d’Italia si precisano i piani produttivi, nella prospettiva di una futura privatizzazione. In […]

Il presidio a Bari dei lavoratori Hiab la Regione si è impegnata a intervenire

In occasione dell’incontro svoltosi a Bari, su richiesta delle organizzazioni sindacali, relativo alla situazione di stallo che riguarda la Hiab di Statte, si è svolto lo sciopero preannunciato di 8 ore. I lavoratori hanno svolto un presidio nei pressi della Presidenza del Consiglio regionale, su Lungomare Mazario Saoro, mentre le segreterie di Fim Fiom Uilm […]

Premio Mcl Torricella Terra d'amare

Il Circolo Movimento cristiano lavoratori di Torricella annuncia la terza edizione del Premio Mcl Torricella Terra d’amare  che si terrà domenica 28 luglio alle ore 20.30 nella sede della Vinicola Cicella in via Pietro Franzoso. Quest’anno il premio riconoscerà il notevole impegno per la promozione del territorio di sette personalità provenienti dal mondo istituzionale, culturale, […]
Media
24 Lug 2024
newsletter