Cinema

La lotta contro l’assuefazione al male

Che sembra imbattibile se accompagnato da scetticismo e pessimismo striscianti

25 Mar 2024

di Paolo Bustaffa

“Abituarsi al peggio è la cosa peggiore che un essere umano può fare”. La frase è nella presentazione di un film su un piccolo borgo di montagna che, come molti altri, rischia l’abbandono e quindi l’estinzione. Nelle pagine di giornale avvolte dal fuoco e dal fumo delle guerre e del terrorismo appare un angolo di resistenza e di esistenza.
C’è chi lotta contro l’assuefazione al male che sembra imbattibile e che contrasta le ragioni di uno scetticismo e di un pessimismo striscianti. È il caso del film di Riccardo Milani ambientato a Pescasseroli in Abruzzo dal titolo ‘Un mondo a parte’ che racconta di un maestro di montagna e della sua classe inclusiva.  Nell’anteprima apparsa in questi giorni ci sono pensieri che sembrano perdenti rispetto alla forza del male.

Il racconto si snoda in un piccolo paese abruzzese dove un avamposto di civiltà mette in atto una forma di resistenza culturale contro un nemico fatto di indifferenza e rassegnazione come è quello di chi vorrebbe chiudere una scuola perché mancano studenti italiani mentre su quel territorio ci sono i figli di immigrati africani e i bambini ucraini in fuga dalla guerra.
L’identità culturale non è autoreferenzialità che si chiude per difendersi ma è il frutto buono della lettura e della visione di una comunità plurale, una identità comunicante che non mina il valore di un territorio ma lo rende più saldo e generativo.

Il film lo conferma raccontando appunto di una comunità che legge i segni dei tempi e mette in atto una forma di resistenza culturale alla decisione di chiudere un bene di prima necessità.
“L’integrazione – dice il regista Milani – diventa inevitabile senza il bisogno di politica e di ideologie, con la concretezza e la semplicità. La vicenda mostra che l’ostilità non è il primo parametro su cui ragionare”.
Come non preoccuparsi per le sorti di una politica se una piccola comunità non la sente né capace né desiderosa di trovare soluzioni alle crisi, che la vede smarrita nella complessità, che la scopre sorda alle attese delle nuovissime generazioni?

Antonio Albanese e Virginia Raffaele sono i due attori protagonisti ma i bambini sono “i veri mattatori dell’opera”, sono loro i visionari dagli occhi limpidi, sono loro che disegnano tracce di futuro.
Pensare di cambiare il mondo con un film è un’utopia ma è importante per tenere gli occhi aperti sul mondo, sulla storia, sull’umanità. Per fare resistenza culturale all’avanzare del nulla e del male. Commenta Albanese: “Non amo il cinema estetico così come non amo i social, non per snobismo, ma perché mi piace fermarmi e riflettere”.  Fermarsi e riflettere per non abituarsi al peggio.

Leggi anche
Otium

Parrocchia Cristo Re, stasera Concerto di lode ed adorazione

Concerto di lode, adorazione ed evangelizzazione quello che si terrà questa sera, lunedì 15 aprile, alle ore 20 a Martina Franca nella chiesa di Cristo Re (sala del Cantico delle creature) con la band musicale “Shout! Koinonia”. Protagonisti dell’evento saranno padre Luca Arzenton, Anna Puccio, Gabriele, Chuy, insieme ai fratelli e sorelle della Koinonia Giovanni […]

Cus Jonico, cala il sipario sulla serie B: domenica l’ultimo atto al PalaMazzola

Una vittoria che vale come bene immateriale. Una partita, l’ultima giocata tra le mura amiche del PalaMazzola di Taranto, che aveva fatto esplodere di gioia il pubblico, al di là della sua portata e utilità ai fini della classifica: abbiamo ancora negli occhi le immagini del match vinto dal Cus Jonico sulla Virtus Padova. Una […]

Taranto, il derby col Monopoli è la prima di tre finali

Un pericolo scampato, una rete realizzata, un goal mangiato: l’ultimo successo del Taranto, ai danni del Potenza, si può sintetizzare nella prima mezzora di gara. Includendo la fortuna che ha consentito a Federico Valietti di sbloccare il risultato. Una forma di compensazione, si potrebbe considerare, per quanto i rossoblu hanno dovuto affrontare nelle ultime settimane. […]
Hic et Nunc

I vescovi pugliesi impegnati nella Visita ad limina Apostolorum

Da oggi, lunedì 15 aprile, fino a venerdì 19 il nostro arcivescovo mons. Ciro Miniero e tutti gli altri vescovi pugliesi sono a Roma alle prese con la Visita ad limina Apostolorum, che servirà a consolidare il rapporto ecclesiale tra la Chiesa universale e quella particolare, attraverso la venerazione delle tombe degli Apostoli Pietro e […]

Ex Ilva, ex Tct, Alenia, Isola Verde... tante ombre in tanta indifferenza

Mentre le attenzioni del mondo politico e le diatribe quotidiane si caratterizzano per la litigiosità e scontri ideologici spesso vacui, nel nostro territorio il lavoro diventa sempre più un’emergenza. Nessuno sembra occuparsene seriamente se non le organizzazioni sindacali direttamente coinvolte. Oltre che le centinaia di famiglie che sono alle prese con i disagi economici e […]
Media
16 Apr 2024
newsletter